Category Archives: Eventi

La quarta edizione di Planta all’Orto Botanico

L’Orto Botanico dell’Università degli Studi di Napoli Federico II ha organizzato la IV edizione di “Planta, il giardino e non solo”, Mostra Mercato di piante spontanee e coltivate, rarità botaniche, essenze esotiche e prodotti naturali.
orto
La manifestazione si svolgerà negli spazi dei viali dell’Orto Botanico, a Via Foria, nei giorni 6, 7 e 8 Maggio 2016. Eventi musicali, workshop, laboratori didattici e del gusto caratterizzeranno le tre giornate.
L’ingresso è gratuito.
Qui tutte le informazioni.

Capodanno a Napoli

Napoli si prepara a festeggiare la fine dell’anno e a brindare all’arrivo del nuovo.
Musica, divertimento e tante bollicine per la notte di San Silvestro. A partire dal concerto a piazza del Plebiscito, sino alle quattro postazioni sul Lungomare che animeranno la notte in riva al mare con ogni tipo di note da discoteca, ci accompagneranno tutti nel 2016.

capodanno-sorrento

Tutte le informazioni su charmenapoli, dove è possibile anche consultare il comunicato del Comune di Napoli su Metropolitana, funicolari e trasporti in generale.
Su Napolike sono segnalati anche i migliori ristoranti per il cenone e il veglione di fine anno.

Napoli dal tramonto all’alba

Dove trascorrere la serata una volta arrivati a Napoli? Eventi Napoli segnala le migliori proposte di quartiere in quartiere, partendo proprio dal Centro Storico, dove il Bed & Breakfast Nilo 32 vi attende per accogliervi in un’atmosfera rilassante e di calda ospitalità.

Piazza-Bellini

Si comincia da un rituale aperitivo a Piazza Bellini, dove si trovano il caffè letterario Intra Moenia, il caffè Arabo, Lemme Lemme e altri locali per un drink di avvio. Di fronte al Conservatorio di San Pietro a Majella, alle spalle della piazza, c’è Perditempo, loungebar e libreria che spesso ospita eventi live con dj-set o gruppi. Dall’altro lato della piazza c’è il Nea, loungebar con esposizioni artistiche e uno spazio all’aperto molto bello. Per gli appassionati jazz e whiskey c’è il Bourbon Street, ma poi, quando finalmente la sera cede alla notte, si va a ballare: Galleria 19 si trova a via San Sebastiano; il Moses Club, invece, si trova in una traversa di via Foria all’altezza dell’Orto Botanico; il Lanificio 25 è un ex opificio tessile di Porta Capuana, alla fine di via Carbonara, verso piazza Garibaldi; il Museo Madre con le sue serate, infrasettimanali o nel weekend, negli ambienti del museo di arte contemporanea di Napoli. Questo è solo un assaggio di tutte le cose che si possono fare, ma non mancheremo di consigliarvene altre se vorrete essere nostri ospiti.

Visita Guidata al Cimitero delle Fontanelle

Sabato 5 dicembre e martedì 8 dicembre, da non perdere la visita guidata al Cimitero delle Fontanelle e alla Basilica di Santa Maria alla Sanità con sorpresa gastronomica finale.

cimitero-delle-fontanelle-visite-guidate1

Il Cimitero delle Fontanelle, situato in un’antica cava di tufo nel cuore del rione Sanità, è un antico ossario destinato inizialmente a seppellire le salme dei napoletani meno abbienti che non trovavano posto nelle pubbliche sepolture delle chiese. Il cimitero rimase abbandonato fino al 1872, quando Don Gaetano Barbati mise in ordine le ossa nello stato in cui ancora oggi si vedono. Gli oltre 40.000 resti di persone, dai più poveri alle vittime della grande peste del 1656 e del colera del 1836 furono sistemati nei lunghi corridoi e da allora il Cimitero è diventato un luogo di culto popolare, in cui si concentrarono riti, leggende e racconti di miracoli.

Il particolare rito, detto delle “anime pezzentelle“, prevedeva la scelta e la sistemazione di un cranio (capuzzella) al quale corrispondeva un’anima abbandonata (pezzentella) in cambio di protezione, grazie e favori per l’adottante. Costui doveva prenderla, pulirla, lucidarla, porla su un fazzoletto ricamato ed infine, durante visite periodiche, offrirle lumini, fiori e preghiere “A refrische ‘e ll’anime d’o priatorio”. Poi la circondava con un rosario e la adagiava su un cuscino, ornato di pizzi e ricami.

La visita guidata continuerà con la Basilica di Santa Maria alla Sanità, uno dei principali esempi del Barocco Napoletano, eretta tra il 1602 ed il 1613 sopra la Catacomba di San Gaudioso su disegno dell’architetto domenicano Fra’ Nuvolo, del quale è considerata una delle opere più ardite.

Al termine della visita ai nostri ospiti verrà offerta una gustosa sorpresa gastronomica

Per informazioni e prenotazioni è possibile chiamare al numero 334.11.19.819 o scrivere alla mail prenotazioni@viverenapoli.com

(via grandenapoli.it)

Tour in barca, aperitivo e bagno a Marechiaro

Anche quest’anno torna Marechiaro Experience nella splendida zona di Marechiaro sulla costa di Posillipo.
Per tutto il mese di Agosto sarà possibile trascorrere le più belle giornate di mare senza stress sull’isolotto o nelle piscine naturali di Marechiaro, alla scoperta delle bellissime insenature napoletane che rappresentano un vero e proprio scorcio di paradiso dai colori caraibici.

marechiaro-experience1-640x400

Tutte le informazioni su Napoli da vivere.

Cantine aperte 2015 a Napoli e in Campania

Non solo visite alle vigne e alle cantine campane, ma anche degustazioni di prodotti enogastronomici, spettacoli musicali, picnic tra i filari, mercati della terra a km zero, laboratori didattici del gusto e di buone pratiche agricole per adulti e bambini e molto altro in questa edizione di Cantine Aperte.
Cantine-aperte-2015-a-Napoli-e-in-Campania-640x400
Doppio appuntamento sabato 30 e domenica 31 maggio in sinergia con Slow Food Campania, l’Assessorato all’Agricoltura e le aziende aderenti all’iniziativa. Quale modo migliore per conoscere, gustare ed acquistare le prelibatezze della tradizione eno gastronomica campana nei luoghi di produzione del vino?
Per qualsiasi informazione è possibile contattare l’Associazione Movimento Turismo del Vino Campania al numero 081 5884182.

“Quore Spinato”: i quartieri spagnoli e la Street Art di Cyop&Kaf

“Quore Spinato” è il nome di una particolare visita guidata nei quartieri spagnoli di Napoli, alla ricerca dei duecento dipinti di Cyop&kaf, maestri della street art napoletana.
Visite guidate da non perdere, quindi, ogni ultimo fine settimana del mese. Le prossime si svolgeranno sabato 30 e domenica 31 maggio, quando gli operatori dell’associazione Hermes accompagneranno i partecipanti tra gli stretti vicoli dei quartieri spagnoli di Napoli alla ricerca delle opere di Cyop&Kaf i più famosi writers napoletani.
street-art-quartieri-spagnoli-640x400
Cyop&Kaf hanno reso disponibile sul loro sito una mappa delle loro quasi duecento opere, tra disegni e graffiti da trovare ai Quartieri Spagnoli, dove ogni spazio è ottimo per “operare”, muri, portoni, cancelli, edicole. Una vera e propria caccia al tesoro che, mappa alla mano, ci farà scoprire i loro lavori e la bellezza dei vicoli di Napoli.

“Quore Spinato” è anche un libro, dove si possono leggere passi come questo: “[…] ho dipinto (e continuerò a farlo) per tre anni consecutivi per le strade dei Quartieri Spagnoli. Aggredendo da ogni confine: Corso Vittorio Emanuele, Pignasecca, Chiaia, restando imbrigliato nelle maglie fitte della scacchiera pensata a suo tempo per le truppe spagnole, il cuore inesplorato e temuto perché vestito di una corazza di cliché. L’ho fatto di giorno, cominciando da quegli edifici che – distrutti dal terremoto e mai restaurati – sono considerati da tutti terra di nessuno; e quando il primo passante, vedendomi operare (è chirurgia la pittura, l’ho già scritto), si è fatto avanti e mi ha chiesto di dipingere anche la porta del suo basso, inconsapevolmente ha messo in moto una reazione a catena che, come la biglia di un flipper mi ha catapultato da un muro all’altro, di basso in basso, garage dopo garage, per soddisfare le richieste di quanti (tanti, troppi per le mie sole forze) mi chiedevano un dipinto anche per loro.”

Sui due artisti è stato girato anche un docuFilm premiato come miglior documentario alla 14a edizione di Terre di Cinema, Festival del nuovo cinema italiano di Tremblay-en-France, e che ha avuto anche la Menzione Gianni Volpi al Bellaria Film Festival 2014 ed è stato tra i documentari finalisti del David di Donatello.

Un’altra Galassia: Festa del Libro 2015

Dal 12 al 14 giugno 2015 si terrà “Un’Altra Galassia”, importante festa del libro. Per la sua V edizione la festa ha scelto una location di eccezione quale il Monastero delle Trentatré in via Armanni, incrocio con via Anticaglia, altezza Ospedale Incurabili.
Gli appuntamenti dal 12 al 15 giugno 2015 si terranno tra il refettorio, le cantine e il chiostro del Monastero di Clausura e presso Spazio NEA in via Santa Maria di Costantinopoli.
galassia
Durante la festa la città ospiterà importanti autori italiani e stranieri che dialogheranno con il pubblico: incontri, reading, spettacoli, maratone letterarie e molto altro. Nelle precedenti edizioni la festa ha visto tra gli ospiti Raffaele La Capria, Walter Siti, Domenico Starnone, Sebastiano Vassalli, Giuseppe Montesano, Francesco Piccolo, Niccolò Ammaniti, Piergiorgio Oddifreddi, Ascanio Celestini, Stefano Bartezzaghi, Patrizia Cavalli, Sebastiano Vassalli, Francesco Piccolo. E possiamo scommetere che questa edizione non sarà da meno, anche conoscendo gli scrittori e giornalisti che fanno parte dell’associazione culturale “Un’altra Galassia”, nomi come Valeria Parrella, Rossella Milone, Pier Luigi Razzano, Piero Sorrentino e Massimiliano Virgilio.
Insomma una occasione imperdibile per incontrare autori, parlare di libri e letteratura nel cuore del decumano superiore della città. E quale posto migliore per soggiornare in città e partecipare agli incontri se non il B&B Nilo 32?

Pausilypon, suggestioni all’imbrunire 2015

Giunta alla sua VII Edizione, la manifestazione Pausilypon, suggestioni all’imbrunire, ideata e curata dal Centro Studi Interdisciplinari Gaiola Onlus, si propone anche quest’anno come incontro tra archeologia, natura, musica e teatro nella straordinaria cornice dell’antica Villa D’Otium, del I Sec a.C., di Publio Vedio Pollione.
Dal 10 Maggio al 21 Giugno, tredici appuntamenti per riscoprire l’incanto del Pausilypon al tramonto, accompagnati da suoni, melodie e voci, con la direzione artistica di Francesco Capriello e Stefano Scognamiglio.
pausy
Ancora una volta si è fatta una scelta di “non invasività”, non saranno infatti utilizzati allestimenti scenici, elettronici ed infrastrutturali che possano in qualunque modo alterare il fascino naturale del sito archeologico. L’artista si esibisce quindi sfruttando le già perfette condizioni di luce e di acustica del sito, nel totale rispetto dei luoghi, un omaggio alla straordinaria bellezza del Pausilypon, “il luogo dove finisce il dolore”.
Ogni appuntamento sarà preceduto dal percorso ricco di suggestioni dall’imponente Grotta di Seiano fino all’incontro con gli artisti presso l’area dei teatri. A fine serata sarà offerto un piccolo rinfresco di qualità ed una degustazione di vini delle eccellenze enologiche campane.

Privacy Policy